Rocca D’Ajello 2017-05-11T11:19:24+00:00

Project Description

Rocca D’Ajello

Link: http://www.roccadajello.com/ (copia ed incolla nella barra del tuo browser per visualizzare il sito web)


Un sito dedicato a meravigliose location per cerimonie e serate di gala deve, innanzitutto, essere fedele all’anima dell’ambiente, riuscendo ad esaltarne l’eleganza e l’esclusività o, a seconda dei casi, il lato rustico e anticonvenzionale. Il Castello di Rocca D’Ajello, a Camerino (Macerata), si propone come la perfetta cornice dove organizzare matrimoni ed eventi. Spazi verdeggianti che si stendono oltre i confini del proprio sguardo e tre ampie sale, che possono accogliere fino ad un massimo di 450 persone, offrono una varietà di soluzioni che solo i limiti dell’immaginazione personale possono racchiudere.

La storia di un passato lontano, avuto luogo nel XIII secolo e che ha visto protagonisti i duchi Varano di Camerino, emerge grazie alla realizzazione del sito che in modo estremamente evidente si pone come obiettivo quello di comunicare, in particolar modo con le immagini, la bellezza del paesaggio, i giardini gremiti di fiori e gli ambienti dal fascino medievale.

Detto ciò, i siti web di successo che riescono a collocarsi ai primi posti sui motori di ricerca, che significa non sforare la top dieci, deve anche essere all’altezza di motivare gli utenti, ossia deve spronarli a contattare, scrivere, telefonare, chiedere informazioni e, perché no, recarsi presso la struttura che è stata in grado di catturare l’attenzione al punto da portare l’utente che si è imbattuto nel sito, sicuramente anche grazie all’ottimo posizionamento dello stesso, ad agire. Questa, in effetti, è la parte più difficile che necessita di grande esperienza, sia nel settore oggetto di comunicazione sia nel campo del marketing in generale.

Per il posizionamento dei siti web è superfluo dire quanto sia influente, ma ciò porta semplicemente l’internauta a visitarlo un sito, per “rimanerci”, invece, serve molto di più, in primis contenuti ben scritti, esaustivi nella descrizione degli argomenti e che non presentino similitudini con altri già presenti in differenti siti, poiché Google li considererà, automaticamente, poco interessanti e li relegherà in quello che viene definito l’inferno di Google e, cioè, nel suo indice supplementare.

Le immagini

I siti web basati, essenzialmente, sulle immagini, proprio come si evidenzia nel sito del Castello di Rocca D’Ajello, procede secondo una struttura fortemente evocativa che si avvale anche di un video di tutta la tenuta circostante ripresa grazie all’ausilio di un drone. Scegliere questa location vuol dire mettere in scena il proprio matrimonio o evento all’interno di un’atmosfera da sogno, immersa nel verde di boschi, campi e vigneti che si alternano cromaticamente alle tante sfumature di colori dei fiori, che rappresentano la nota romantica della struttura tipicamente medievale.

I siti che scelgono di puntare sulle immagini lasciano che l’impatto emotivo tocchi le corde degli utenti. È necessario dire che spesso le fotografie possono destare un interesse anche maggiore di tante parole, ma, non per questo, il compito è più facile. L’organizzazione delle stesse deve categoricamente evitare di trasmettere un’idea di confusione, cosa che un insieme di immagini in sequenza rischiano di esprimere e, come diretta conseguenza, impedire che si aggroviglino tra di loro, quasi sovrapponendosi.

Ovviamente l’indice supplementare, o secondario, ossia dove i motori di ricerca conservano le pagine che presentano contenuti fotocopia, è sempre in agguato quindi nel corso della realizzazione del sito oltre a belle immagini, per quanto davvero armoniche, rappresentative e attinenti, è necessario predisporre dei contenuti di qualità da affiancare, affinché le varie pagine del sito possano essere trovate più facilmente dai potenziali utenti. Questo perché praticamente tutti i siti hanno qualche pagina nel “purgatorio” che rappresenta l’indice supplementare di Google, ma la cosa fondamentale è che siano solo una piccola percentuale rispetto alla complessità del sito Web stesso.

Articolo scritto da Easyweb Consulting – Realizzazione Siti web

Inserisci il tuo commento