Easyweb Consulting » Portfolio » La Confetteria
La Confetteria 2018-04-23T08:37:18+00:00

Project Description

La confetteria

La confetteriaUn sito web permette la comunicazione delle informazioni anche attraverso una serie di “slides” che devono, logicamente, essere perfettamente integrate all’interno del contesto generale, denotando la necessità di una strategia preliminare di cui non è possibile fare a meno, ponendo, al contempo, le basi per il posizionamento dei siti stessi. Ciò è facilmente spiegabile dal fatto che i nostri occhi riescono a percepire molto bene le simmetrie, le somiglianze e le gerarchie visuali al punto che, quando tali fattori non vengono ravvisati, il colpo d’occhio è impreciso e l’idea complessiva è quella di confusione pur non essendo molti gli elementi che si presentano.

La Confetteria di Roma, una bottega dai dolci sapori dove la cioccolata prima ancora di essere un piacere è una vera e propria missione, grazie alla sua direttrice Rosaria Costa, è capace di proporsi come qualcosa di più di una semplice attività commerciale e, cioè, come un’attività culturale dove scoprire e riscoprire cioccolatini, ma anche distillati, leccornie varie, caramelle introvabili e sapori antichi.

Ecco che con una attenta progettazione capace di far assaporare l’eccellenza di un prodotto semplicemente con un’immagine debbono costruire una gabbia grafica ideale all’interno della quale poter posizionare le molteplici informazioni, seguendo una precisa e riconoscibile metrica, senza tralasciare l’assoluta verità secondo la quale la comunicazione avviene anche attraverso il vuoto. Tale concetto indica che bisogna considerare le immagini come se fossero le parti di un dialogo nel quale lasciare ai nostri interlocutori il giusto tempo per assimilare quanto gli si sta presentando e tali pause costituiscono il significato dei “vuoti”.

La creazione di siti di impatto, che puntano, contemporaneamente, ad un ottimo posizionamento sui motori di ricerca, devono sicuramente giocare con l’aspetto visivo e di grande effetto di cui sono dotate le immagini che, spesso, sono in grado di parlare con maggiore loquacità rispetto a fiumi di parole.

L’Usabilità

Trasmettere opportunamente i messaggi che si vogliono far arrivare agli utenti deve contemplare quella che viene definita come “usabilità”. Ma di cosa si tratta? Il termine indica una serie di elementi che devono essere presenti affinché il sito web possa essere effettivamente preso in considerazione dagli internauti. Innanzitutto i diversi fattori che lo compongono devono essere riconoscibili e ciò deve avvenire facilmente e nell’immediato. Altro punto riguarda la semplicità con la quale navigare tra i diversi contenuti, anche grazie agli strumenti di ricerca. Segue la lettura e la comprensione che deve avvenire senza alcuna fatica, soddisfacendo, allo stesso tempo, in pieno le risposte che si cercavano. Importante è, inoltre, la possibilità di interazione, facendo domande e lasciando feedback. Tutto questo complesso di requisiti accordano al sito una buona accessibilità, dimostrando che non basta aver predisposto un messaggio chiaro e definito poiché questo deve essere anche piacevolmente consultabile.

La creazione di siti improntati sulla ricerca della soddisfazione e, dunque, sulla conquista degli utenti è molto complessa e si configura come una caccia al tesoro in cui le variabili contenutistiche e le variabili legate all’indicizzazione ed al posizionamento dei siti si intrecciano.

Parlando dell’esempio de La Confetteria di Rosaria Costa, la realizzazione del sito è sicuramente rispettoso degli elementi sopra citati e ciò si evince dall’importanza che viene data, e da come viene data, ai prodotti, ossia attraverso i tanti esempi di possibili composizioni e grazie alla gallery dedicata alle vetrine dove emerge buon gusto, capacità di vendita e attenzione meticolosa per i dettagli. L’estetica, padrona dell’insieme, è in grado di far emergere sapori che saranno assaporati solo in un secondo momento, ma regalano all’immaginazione una bontà che sembra già appartenere alla mente prima che alle papille gustative.